Lavoro compiuto, si riparte per lo Zim

Il giorno dopo il mio arrivo a Maun ero riuscito a mettermi in contatto con Jumanja, il leader del gruppo di attivisti che si stanno battendo per i diritti delle tribù ingiustamente cacciate dalle loro terre nel Kalahari. Un ragazzo mite e gentile, è venuto a prendermi in albergo e siamo andati in un Nando’s. Davanti a un succo e una cheescake, mi sono fatto raccontare un po’ di come sia andata al momento dello sgombero e come se la stia cavando con le battaglie legali contro il governo. Il suo tono di voce pacato rifletteva la fatalistica rassegnazione con cui spesso gli africani affrontano le sciagure che si abbattono implacabili sulle loro esistenze, senza urla di sgomento o scene isteriche, ma con lucida accettazione a cui segue il cammino lento e costante che passo dopo passo dovrebbe riportarli fuori dall’incubo.

Finito il mio lavoro con i San, ero pronto a riprendere il mio viaggio, anche perché non c’era molto che mi trattenesse a Maun, né in Botwsana. La mia prossima meta sarebbe stato lo Zimbabwe, perciò sono andato alla stazione degli autobus per scoprire quale mezzo mi avrebbe portato a destinazione. C’era un pullman il mattino seguente per Francistown, da cui sarebbe stato facile raggiungere lo Zim. Partenza alle sette, no forse alle sei e mezza… oppure alle sei? Ghanzi mi aveva insegnato a chiedere sempre a più di una persona, ma in questo caso stavo ottenendo troppe risposte differenti. Per evitare sorprese alle cinque ero già fuori dall’albergo e avanzavo nel buio verso la stazione.

Questo primo tratto in autobus è stato sereno e tranquillo. A un posto di controllo la polizia ci ha fatto scendere tutti con i bagagli per perquisirci – ‘vietato trasportare animali e carni fresche’ – ma l’atmosfera era rilassata. Più avanti abbiamo dovuto rallentare per far passare un branco di zebre e dopo un altro po’ ho sorpreso una giraffa a spiarci tra la vegetazione ai bordi dell’autostrada. Per il resto nessun altra emozione. A mezzogiorno in punto arrivavo a Francistown.

Annunci

Informazioni su Flavio Alagia

Esploratore intergalattico e cantastorie
Questa voce è stata pubblicata in Botswana e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Lavoro compiuto, si riparte per lo Zim

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...